View Poll Results: Quando avete deciso definitivamente di espatriare?

Voters
33. You may not vote on this poll
  • Ho studiato all'estero ed ho proseguito il percorso

    1 3,03%
  • Ho sempre voluto vivere all'estero e sono partito senza nemmeno avere un lavoro

    3 9,09%
  • Ho sempre voluto vivere all'estero ed ho cercato attivamente fino ad un'offerta

    1 3,03%
  • Stavo cercando attivamente all'estero e alla fine ho ricevuto una offerta che mi ha convinto

    2 6,06%
  • Non stavo cercando attivamente all'estero ma ho ricevuto una offerta che mi ha convinto

    6 18,18%
  • E' capitato un evento qui in Italia che mi ha fatto decidere di fuggire all'estero

    5 15,15%
  • Per ora no, poi si vedrà

    6 18,18%
  • Mai, bisogna rimanere in Italia

    1 3,03%
  • Mai, non ho opportunità col mio lavoro all'estero

    1 3,03%
  • Non posso emigrare per affetti/problemi/altro o non sono riuscito

    7 21,21%
Page 11 of 11 FirstFirst ... 7891011
Results 151 to 161 of 161

Thread: Basta, me ne vado!

  1. #151
    Zaider's Avatar
    Join Date
    Jan 2004
    Location
    Nella pianura della nebbia..
    Posts
    7.950

    Default

    Quote Originally Posted by Tunnel View Post
    Fortunatamente non tutti voglio essere manager o responsabili di progetto.
    Fortunatamente (ripeto) ci sono anche quelli che preferiscono una vita tranquilla 9.00/18.00. E se non ci fossero sarebbe un grosso problema.
    Quindi va capito anche di chi stiamo parlando e di quali sono le sue reali aspirazioni, secondo me.

    Banalmente, se non ci fosse il carrellista che fa 6.00/14.30, noi non spediremmo un cazzo. Anche se assumessimo altri 20 manager
    guarda, dici cose giuste eh, non lo metto in dubbio.
    Una laurea pero' rende più tranquilli in quanto apre più porte.

    Con un diploma e' più difficile trovar lavoro, punto. Si hanno meno scelte, quindi bisogna ponderare maggiormente. Con una laurea e' più facile cambiare, quindi si vive cmq più rilassati sapendo che bene o male si casca in piedi

    questo indipendentemente da aspirazioni di carriera o soldi, e' proprio un pensiero generale.
    gratz.

  2. #152
    Lieutenant Commander Axet's Avatar
    Join Date
    Sep 2003
    Location
    Ginevra
    Posts
    30.896

    Default

    Quote Originally Posted by Trish View Post
    Ragazzi ne approfitto della discussione per farvi una domanda:

    Parto da presupposto che mio fratello 18 anni vorrebbe comunque andare a lavorare all'estero ma sarebbe interessato anche a qualcosa in Italia, purtroppo per errori di gioventù ai tempi ha scelto un liceo umanistico, durante gli anni però è uscita la passione per l'informatica e tutto il mondo dell'elettronica.

    Diciamo che è uno sgamato, qualsiasi cosa gli chiedi in ambito informatico sa come risolverti il problema sulla piattaforma Windows. La problematica è che non ha un diploma tecnico e non ha intenzione di fare università.

    La sua idea sarebbe quella di dedicarsi a qualche corso professionale in ambito informatico/IT per poi proporsi sul mercato anche estero.

    Ovviamente le vostre posizioni in ambito IT sono anche date da ottimi percorsi di studio universitari nell'ambito, ma essendo già in alto livello abbiate l'opportunità di vedere quali sono gli ambiti un pò più definiamoli tecnici/manuali a cui potrebbe ambire.

    Avete qualche ruolo / corso che secondo voi può dare buoni frutti?

    Grazie
    Dipende da cosa vuole fare, se l'idea è di fare lo smanettone la laurea non serve.

    Se invece vuole ricoprire qualsiasi altra posizione, ribadisco quanto già detto da altri: è fondamentale.
    Non tanto per la preparazione, che comunque ovviamente è importante. Nè per la forma mentis, che è parimenti rilevante. Quanto proprio per una questione di essere anche solo preso in considerazione per un dato ruolo.
    Senza laurea o hai un bagaglio di esperienza enorme, o sei in qualche modo specializzato in qualche campo molto di nicchia, o il CV manco lo guardano.

    Anche se ha fatto il classico non è un problema, saranno un po' più faticosi i primi anni ma ricordo che in corso con me c'era più di una persona che veniva da indirizzi umanistici.

    Se proprio non vuol fare assolutamente l'uni (e imo è una scelta sbagliata), cerchi in qualche modo di specializzarsi su una delle big waves e vedere dove questo lo porta: Cloud, Big Data, IoT. Tutta roba che tira e per cui c'è un sacco di domanda.

    I'm no hero. Never was. Never will be.
    -----
    Soul of the mind, key to life's ether
    Soul of the lost, withdrawn from its vessel
    May strength be granted so the world might be mended...
    So the world might be mended...

  3. #153
    Hador's Avatar
    Join Date
    Mar 2004
    Location
    Milano
    Posts
    27.799

    Default

    Quote Originally Posted by Tunnel View Post
    Fortunatamente non tutti voglio essere manager o responsabili di progetto.
    Fortunatamente (ripeto) ci sono anche quelli che preferiscono una vita tranquilla 9.00/18.00. E se non ci fossero sarebbe un grosso problema.
    Quindi va capito anche di chi stiamo parlando e di quali sono le sue reali aspirazioni, secondo me.

    Banalmente, se non ci fosse il carrellista che fa 6.00/14.30, noi non spediremmo un cazzo. Anche se assumessimo altri 20 manager
    i tempi sono cambiati, non ci si può più permettere di fare questi ragionamenti.
    Cosa che tra l'altro dicevamo anche 10 anni fa quando su sta board si suggeriva agli informatici di non studiare che non serve a un cazzo. Si è visto

  4. #154
    Lieutenant Commander Mosaik's Avatar
    Join Date
    Dec 2004
    Location
    Roma
    Posts
    9.068

    Default

    Io credo che dipenda tutto da che tipo è e da quanta voglia ha di studiare per me è meglio assumere un diplomato che non uno che a 25 anni ha fatto solo la triennale. Quindi se rischia di perdere tempo allora meglio si dia subito da fare.

    La laurea è sicuramente importate ed ti da un boost iniziale nello stipendio dei primi anni di carriera ma superato un certo periodo si guardano le competenze più che gli studi fatti ed onestamente nel mondo privato non ho mai visto nessuno a cui è stato detto "sei bravo ma non ti posso far diventare quadro/dirigente perché non hai la laurea"

    È ovvio che quando hai un CV vuoto però è la voce che si guarda di più.
    Last edited by Mosaik; 1 Day Ago at 22:31.

  5. #155
    Hador's Avatar
    Join Date
    Mar 2004
    Location
    Milano
    Posts
    27.799

    Default

    Quote Originally Posted by Mosaik View Post
    Io credo che dipenda tutto da che tipo è e da quanta voglia ha di studiare per me è meglio assumere un diplomato che non uno che a 25 anni ha fatto solo la triennale. Quindi se rischia di perdere tempo allora meglio si dia subito da fare.

    La laurea è sicuramente importate ed ti da un boost iniziale nello stipendio dei primi anni di carriera ma superato un certo periodo si guardano le competenze più che gli studi fatti ed onestamente nel mondo privato non ho mai visto nessuno a cui è stato detto "sei bravo ma non ti posso far diventare quadro/dirigente perché non hai la laurea"

    È ovvio che quando hai un CV vuoto però è la voce che si guarda di più.
    Noi riceviamo CV da gente che viene dal CERN e parla 4 lingue, sia i cv sia del diplomato che dello studente fuori corso finiscono dritti nel trita documenti. Anche perché, ad un certo livello, conta tantissimo quanto tu abbia costantemente voglia di imparare e restare aggiornato. Uno che ha smesso di studiare a 18 anni già si presenta malissimo a tal riguardo.

    Voi ragionate da italiani per il mercato italiano. Dove l'informatico è "il ragazzo del software", che nell'idea del management è una specie di carrellista, e l'obiettivo è fare il team leader/manager e sfilarsi dal lavoro tecnico. Ma in contesti dove il lavoro tecnico è valorizzato, conta cosa sai fare. E avere una laurea è il modo migliore per ottenere dei posti di lavoro che ti permettano di crescere dal punto di vista professionale.
    L'esperienza in quanto meri anni di lavoro non solo non serve a un cazzo, ma è anche controproducente. Se mi arriva uno che ha fatto siti web in wordpress per 5 anni, cazzo mi frega? Preferisco il neo laureato o ancora meglio il neo phd. Allo stesso modo, a noi sono arrivati una marea di curriculum di "project manager" in piccole medie aziende del nord italia, ma ce ne facciamo pochissimo. Avere un ruolo di responsabilità in una realtà semplice non è qualificante in un contesto più complesso. Preferisco di gran lunga quello che lavorava al CERN, quello che si è fatto le intership a google e facebook, quello che ha il dottorato etc.

    Oggi bisogna impostare il proprio percorso di studi e lavorativo per essere sempre competitivi. Devi pensare, se perdessi il lavoro domani, sarei comunque attrattivo - più attrattivo degli altri - sul mercato del lavoro? Poi che faccia schifo come meccanismo tutti d'accordo, ma è l'unico modo per campare decentemente senza spinte. In quest'ottica, farsi un CV di "lavoretti" semplici, non serve a nulla. Bisogna puntare il più in alto possibile.

  6. #156
    Tunnel's Avatar
    Join Date
    Mar 2004
    Location
    Location.
    Posts
    14.127

    Default

    Quote Originally Posted by Hador View Post
    Noi riceviamo CV da gente che viene dal CERN e parla 4 lingue, sia i cv sia del diplomato che dello studente fuori corso finiscono dritti nel trita documenti. Anche perché, ad un certo livello, conta tantissimo quanto tu abbia costantemente voglia di imparare e restare aggiornato. Uno che ha smesso di studiare a 18 anni già si presenta malissimo a tal riguardo.

    Voi ragionate da italiani per il mercato italiano. Dove l'informatico è "il ragazzo del software", che nell'idea del management è una specie di carrellista, e l'obiettivo è fare il team leader/manager e sfilarsi dal lavoro tecnico. Ma in contesti dove il lavoro tecnico è valorizzato, conta cosa sai fare. E avere una laurea è il modo migliore per ottenere dei posti di lavoro che ti permettano di crescere dal punto di vista professionale.
    L'esperienza in quanto meri anni di lavoro non solo non serve a un cazzo, ma è anche controproducente. Se mi arriva uno che ha fatto siti web in wordpress per 5 anni, cazzo mi frega? Preferisco il neo laureato o ancora meglio il neo phd. Allo stesso modo, a noi sono arrivati una marea di curriculum di "project manager" in piccole medie aziende del nord italia, ma ce ne facciamo pochissimo. Avere un ruolo di responsabilità in una realtà semplice non è qualificante in un contesto più complesso. Preferisco di gran lunga quello che lavorava al CERN, quello che si è fatto le intership a google e facebook, quello che ha il dottorato etc.

    Oggi bisogna impostare il proprio percorso di studi e lavorativo per essere sempre competitivi. Devi pensare, se perdessi il lavoro domani, sarei comunque attrattivo - più attrattivo degli altri - sul mercato del lavoro? Poi che faccia schifo come meccanismo tutti d'accordo, ma è l'unico modo per campare decentemente senza spinte. In quest'ottica, farsi un CV di "lavoretti" semplici, non serve a nulla. Bisogna puntare il più in alto possibile.
    Ma concordo con te al 100% eh, sia chiaro, quello che dico è che il ragionamento fila per uno che vuole collocarsi in alto nella catena. Infatti anche io ho scritto di prendere la laurea, se si vuole ragionare solamente "vuoto-pieno". Ho però aggiunto che se a lui non frega nulla di fare carriera (cosa possibilissima) può anche scegliere di iniziare subito a lavorare e fine della fiera, ovvio che restrerà poi in italia e\o avrà scelte limitate.
    on Camelot Unchained (alpha):
    Nichodemus <GildaDiVecchieGlorieInPensione> - LaClasseCheCura - ServerName [soon]
    PG dei giochi vari in spoiler
    Spoiler


  7. #157
    Lieutenant Commander Mosaik's Avatar
    Join Date
    Dec 2004
    Location
    Roma
    Posts
    9.068

    Default

    Quote Originally Posted by Hador View Post
    .. cut ..
    Noi ragioniamo pure da "italiani" ma tu ragioni troppo da "fenomeni"
    Mi citi CERN , google , facebook tutti posti dove ci sono le migliori menti ma al mondo ma non esistono solo loro altrimenti non si chiamerebbero migliori
    Il mondo dell'informatica ha sia bisogno dei fenomeni che fanno funzionare i 2 miliardi di utenti di facebook ma anche di chi fa il sito o il gestionale per i negozi della città con 5 utenti massimi contemporanei.


    Quindi se tu hai il la meta giusta è ovvio che avendo le possibilità è meglio cercare di massimizzare il tuo potenziale con lo studio ma se sei una mente normale che se va bene finirai l'università con un paio di anni di ritardo e con voti nella medi allora a questo punto mi farei due domande.

    Tutti noi dovremmo aspirare a giocare in Serie A ma esistono anche la B C D ed anche con il massimo dell'impegno non tutti ci arrivano quindi bisogna anche essere realisti a questo mondo.

  8. #158
    Hador's Avatar
    Join Date
    Mar 2004
    Location
    Milano
    Posts
    27.799

    Default

    No ma non è questione di fenomeni, ma è per sottolineare come la competizione è già su altissimi livelli e accontentarsi è MOLTO rischioso.
    A breve il sito gestionale con 5 utenti sarà offerto gratis dal Google di turno e il programmatore sempliciotto rischia di fare una brutta fine. È un settore dove se ti muovi male rischi.

  9. #159
    Tunnel's Avatar
    Join Date
    Mar 2004
    Location
    Location.
    Posts
    14.127

    Default

    Quote Originally Posted by Mosaik View Post
    Noi ragioniamo pure da "italiani" ma tu ragioni troppo da "fenomeni"
    Mi citi CERN , google , facebook tutti posti dove ci sono le migliori menti ma al mondo ma non esistono solo loro altrimenti non si chiamerebbero migliori
    Il mondo dell'informatica ha sia bisogno dei fenomeni che fanno funzionare i 2 miliardi di utenti di facebook ma anche di chi fa il sito o il gestionale per i negozi della città con 5 utenti massimi contemporanei.


    Quindi se tu hai il la meta giusta è ovvio che avendo le possibilità è meglio cercare di massimizzare il tuo potenziale con lo studio ma se sei una mente normale che se va bene finirai l'università con un paio di anni di ritardo e con voti nella medi allora a questo punto mi farei due domande.

    Tutti noi dovremmo aspirare a giocare in Serie A ma esistono anche la B C D ed anche con il massimo dell'impegno non tutti ci arrivano quindi bisogna anche essere realisti a questo mondo.
    E per altro aggiungere che non c'è un cazzo di male se uno vuole fare 9/18.00 e poi andare a giocare a calcetto.
    I ragazzi del mio dipartimento sono quasi tutti così. Quando ho bisogno si fermano sempre un po', ma giustamente hanno fatto delle scelte (nel bene e nel male) che li fanno vivere con meno responsabilità (e meno soldi), ma non per questo sono da denigrare.
    on Camelot Unchained (alpha):
    Nichodemus <GildaDiVecchieGlorieInPensione> - LaClasseCheCura - ServerName [soon]
    PG dei giochi vari in spoiler
    Spoiler


  10. #160
    Lieutenant Commander Axet's Avatar
    Join Date
    Sep 2003
    Location
    Ginevra
    Posts
    30.896

    Default

    Quote Originally Posted by Tunnel View Post
    E per altro aggiungere che non c'è un cazzo di male se uno vuole fare 9/18.00 e poi andare a giocare a calcetto.
    I ragazzi del mio dipartimento sono quasi tutti così. Quando ho bisogno si fermano sempre un po', ma giustamente hanno fatto delle scelte (nel bene e nel male) che li fanno vivere con meno responsabilità (e meno soldi), ma non per questo sono da denigrare.
    Concordo, ma in parte.
    Se è una scelta fatta scientemente allora appoggio la tua visione.

    Però io il 90% di quelli che conosco che fanno lavori "umili" non fanno altro che lamentarsi, in ordine sparso:
    - di quanto faccia schifo il lavoro
    - di come accolgano il weekend come una liberazione assoluta
    - di come il lunedì mattina siano tentati di spararsi in bocca piuttosto che andare a lavorare
    - di come non abbiano soldi per fare X, Y e Z.
    - etc, etc

    Questo perché in realtà non hanno scelto una certa strada, han preso quello che è capitato perché non hanno trovato alternative.

    edit:
    che poi non vuol dire che devi lavorare per forza più di 8 ore eh. Cioè spesso sì, ma hai anche molte altre libertà. Lavorare da casa, per esempio.

    I'm no hero. Never was. Never will be.
    -----
    Soul of the mind, key to life's ether
    Soul of the lost, withdrawn from its vessel
    May strength be granted so the world might be mended...
    So the world might be mended...

  11. #161
    Lieutenant Commander San Vegeta's Avatar
    Join Date
    Oct 2003
    Location
    Bologna
    Posts
    10.007

    Default

    un nostro partner che fa sviluppo prevalentemente mobile ha programmatori e software architect esperti sotto i 30: metà di loro non sono laureati, l'altra metà si son laureati a 22 23 anni (beati loro aggiungerei): se sei bravo, puoi fare a meno della laurea.
    Ma se sei bravo, io consiglierei il doppio di prendere la laurea, che non fa che portare benefici (ok, a meno che non sia sociologia)
    I rubinetti a casa di Chuck Norris non perdono, vincono.

    Spoiler

Page 11 of 11 FirstFirst ... 7891011

Posting Permissions

  • You may not post new threads
  • You may not post replies
  • You may not post attachments
  • You may not edit your posts
  •  
[Output: 119.05 Kb. compressed to 105.97 Kb. by saving 13.08 Kb. (10.98%)]